HOGGENOVACHAPTER
EVENTI 2012 ISCRIZIONI EDITORIALI GALLERY ON THE ROAD OFFICERS

EDITORIALI - FAAKER SEE 2012 - UN FAAKER TIRA L’ALTRO

Sarà stata la negativa congiunzione astrale: impegni di lavoro, problemi di non lavoro (meglio i primi);  sarà stato che alcuni reduci dalla trasferta USA hanno dato forfait (agli anziani non bastano piu’ 5 giorni per recuperare il jet lag).  Sta di fatto che quest’anno, al classico appuntamento della Campora,  non c’era il solito gruppone gaudente degli anni passati. Ci sono state invece partenze frazionate con tanti piccoli gruppi che si sono mossi in orari e date diverse. Tutti con un’unica meta: il Faaker See.

D:\Documenti NEW\a a a PERSONALE\a a F O T O G R A F I E\2012\HD FAAKER\FOTO ARTICOLO\60.JPGD:\Documenti NEW\a a a PERSONALE\a a F O T O G R A F I E\2012\HD FAAKER\FOTO ARTICOLO\70.JPGD:\Documenti NEW\a a a PERSONALE\a a F O T O G R A F I E\2012\HD FAAKER\FOTO ARTICOLO\81.JPG

La mia quarta partecipazione al magico evento Harley é stata, anche per questo, diversamente vissuta rispetto alle precedenti.

Libero di non dover seguire il branco che non c’era, ho avuto l’opportunità di conoscere Francesco. E quando, il venerdì sera al ristorante, richiudendo una cartina stradale ha detto: “Domani faccio un giro in Carinzia con sconfinamento in Stiria e Slovenia: chi vuole venga …” ha trovato la mia immediata adesione.

D:\Documenti NEW\a a a PERSONALE\a a F O T O G R A F I E\2012\HD FAAKER\FOTO ARTICOLO\64.JPG D:\Documenti NEW\a a a PERSONALE\a a F O T O G R A F I E\2012\HD FAAKER\FOTO ARTICOLO\50.JPG D:\Documenti NEW\a a a PERSONALE\a a F O T O G R A F I E\2012\HD FAAKER\FOTO ARTICOLO\65.JPG
Un sabato fantastico tra saliscendi e curve in paesaggi sempre belli in una splendida giornata di sole

La pomeridiana puntata al Village, mi ha comunque permesso di ritrovare altri dei nostri.
C’erano i Pansoti, soddisfatti reduci da una impegnativa quanto gaudente sgroppata al Grossglockner.
C’era Luca, noto per aver magistralmente diretto nel 2011 l’”Orchestra dei Bicilindrici di Villach”, che accompagnava altri amici al loro primo Faaker.

C’era Christian, beccato a fare la corte ad uno splendido bobber: guardava la motoretta con lo stesso incanto che avevo da piccolo quando, in via San Vincenzo, mi piantavo davanti al “Paradiso dei Bimbi”.

Descrizione: D:\Documenti NEW\a a a PERSONALE\a a F O T O G R A F I E\2012\HD FAAKER\FOTO ARTICOLO\25.JPG  Descrizione: D:\Documenti NEW\a a a PERSONALE\a a F O T O G R A F I E\2012\HD FAAKER\FOTO ARTICOLO\55.JPG Descrizione: D:\Documenti NEW\a a a PERSONALE\a a F O T O G R A F I E\2012\HD FAAKER\FOTO ARTICOLO\12.JPG
Incontri  piacevoli e piacevoli momenti al Village
E così, la full immersion nel Village é stata condita da piacevoli incontri che si inframmezzavano al solito quanto doveroso peregrinare tra gli stand.

Descrizione: D:\Documenti NEW\a a a PERSONALE\a a F O T O G R A F I E\2012\HD FAAKER\FOTO ARTICOLO\10.JPG  Descrizione: D:\Documenti NEW\a a a PERSONALE\a a F O T O G R A F I E\2012\HD FAAKER\159_0709\IMG_0524.JPGDescrizione: D:\Documenti NEW\a a a PERSONALE\a a F O T O G R A F I E\2012\HD FAAKER\FOTO ARTICOLO\20.JPG
Il peregrinare tra gli stand del  village: vi si può rinunciare?

A proposito, per chi non fosse mai andato al Faaker, vorrei dire che si tratta di un rito irrinunciabile, come quello che compie la mia dolce annualmente quando va (o meglio, si precipita) alla Fiera di Sant’Agata.

Un rito che si ripete ogni anno all’ora di pranzo la prima domenica di febbraio quando puntualmente mi dice : “Vado ora perché la gente é a casa a mangiare” ed io ogni anno le ribatto “E’ quello che, come te,  pensa, dice e fa qualche migliaio di persone: buon divertimento!).

Descrizione: D:\Documenti NEW\a a a PERSONALE\a a F O T O G R A F I E\2012\HD FAAKER\FOTO ARTICOLO\40.JPG Descrizione: D:\Documenti NEW\a a a PERSONALE\a a F O T O G R A F I E\2012\HD FAAKER\FOTO ARTICOLO\45.jpg
Faaker See                                                                              Fiera di Sant’ Agata

Per il rientro della domenica la proposta di Francesco é stata ancor piu’ invitante: lasciare l’autostrada prima di giungere al confine italiano, percorrere una valle segnalata dalla carta come “panoramica” e poi attraversare le Alpi Carniche affrontando due impegnativi passi: il Monte Croce Carnico e lo Zoncolan.
Che meraviglia! (lo dico adesso, ma arrivato senza freno posteriore alla fine della discesa dello Zoncolan – pendenza anche del 22% - non ero dello stesso parere …).

Descrizione: D:\Documenti NEW\a a a PERSONALE\a a F O T O G R A F I E\2012\HD FAAKER\FOTO ARTICOLO\65+.jpg Descrizione: D:\Documenti NEW\a a a PERSONALE\a a F O T O G R A F I E\2012\HD FAAKER\FOTO ARTICOLO\67.JPG Descrizione: D:\Documenti NEW\a a a PERSONALE\a a F O T O G R A F I E\2012\HD FAAKER\FOTO ARTICOLO\66+.jpg
Passo dello Zoncolan -  10,5 Km dalla vetta a Ovaro  - Pendenza media 11,5% - Pendenza massima 22%

 

La cavalcata tra le Alpi si é conclusa nel migliore dei modi: in un prosciuttificio di San Daniele del Friuli.

Durante il rientro autostradale ho pensato a lungo a questo mio quarto Faaker. Salutando all’arrivo Francesco ho maturato la convinzione che ogni anno puoi trovare nuovi amici, nuovi modi per godere del viaggio e nuovi stimoli per tornare. Insomma: un Faaker tira l’altro!

Descrizione: D:\Documenti NEW\a a a PERSONALE\a a F O T O G R A F I E\2012\HD FAAKER\FOTO ARTICOLO\90.JPG Descrizione: D:\Documenti NEW\a a a PERSONALE\a a F O T O G R A F I E\2012\HD FAAKER\FOTO ARTICOLO\91.JPG Descrizione: D:\Documenti NEW\a a a PERSONALE\a a F O T O G R A F I E\2012\HD FAAKER\FOTO ARTICOLO\92.JPG

Hadry
Editor Genova Chapter